Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Inventarme vorìa qualche sugeto
     Con qualche novità, che a la Sorela
     De profito servisse e de dileto.
Una Comedia no sarìa per ela;
     Ma pur da le Comedie se recava
     Qualche senso moral, bon per la Cela.
Co gera in leto ruminando andava
     Tra de mi le Comedie che ò composto
     Per la so' Compagnìa famosa e brava.
E de la stampa l'ordene disposto
     Me svegiava in pensier qualche argomento,
     Che no me par dal monestier discosto.
L'onesta, per esempio, e el bel talento
     De la Sposa Persiana, e el bon costume,
     No sarìa da sprezzarse in t'un Convento.
Se tanto fa de la Nature el lume,
     Quanto à da far de più chi à abù la sorte
     De conosser del Cielo el vero Nume?
Se Fatima è costante al so consorte,
     Quanto Maria Lugrezia al sacro Sposo
     Sarà sposa fedel fin a la morte!
Che bruta bestia xe un Mario Zeloso!
     Pezo, se d'Avarizia el vil difeto
     Più secante lo rende e tormentoso.
Un esempio sì rio con più dileto
     Fa le pute scampar dal matrimonio,
     Corendo in brazzo de Dio benedeto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/51&oldid=66792"