Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


Vien el medego al leto a visitarme;
     Vago in suòri al nome de la china;
     Ma a la fin son costreto a rassegnarme.
Oh Sier Apolo bisogna che m'inchina!
     Fin che togo el remedio i vol che tasa;
     E mi ascolto e obedisso a testa china;
Ma credela, Zelenza, che me piasa
     De star in ozio? no, da servitor,
     Anzi ò gusto de far, co stago in casa.
E adesso proprio me fa mal al cuor
     El dover star, in sta ocasion de bando;
     Ma qualche libertà me vogio tor.
Togo la pena in man de quando in quando,
     Me sero drento che nissun me veda,
     E qualcossa vòi far de contrabando.
Sto Vestiario no so quando el suceda,
     Ma se adesso no fazzo, st'altro mese
     Al Teatro bisogna che proveda.
Che se in ogni fonzion de sto paese
     Spenderò i zorni ne le rime e i canti,
     A la famegia no farò le spese:
Donca, Zelenza, come ò dito avanti,
     Qualcosseta farò, cussì de sbalzo,
     E un pocheto a la volta anderò avanti.
Per solito in compor poco me alzo,
     Ma adesso piuchè mai starò basseto,
     Che la testa va via se gnente incalzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/50&oldid=66791"