Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.




AL FRATELLO DELLA SPOSA


PROPRIETARIO
DEL TEATRO DI S. LUCA


In sti set'ani, che con mio contento
     Servo Ca Vendramin, averò scrito
     Pur Muneghe o Novizze più de cento,
E tra de mi più de una volta ò dito:
     Quando Ca Vendramin farà fonzion,
     Bisogna far qualcossa de pulito.
Oltre el piaser, ghe xe l'obligazion,
     E per grazia e per lege e per afeto.
     So Zelenza Francesco è mio Paron.
E ela, Sier Alvise benedeto,
     So che la ga per mi tanto bon cuor
     Che l'ocasion de ringraziarla aspeto.
El caso xe vegnù. Nostro Signor
     À chiamà la Sorela al monestier;
     Questo el tempo sarìa de farme onor.
Ma sul ponto de far el mio dover,
     Vien la freve terzana a desturbarme,
     E go altro, per dirla, in tel pensier.

4

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/49&oldid=66933"