Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/27

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Figuratevi pur che fosse sposa
     D'un ricco cavalier, bello e garbato,
     E che a lei non mancasse alcuna cosa
     Per rendere invidiabile il suo stato;
     Credete voi che qualche spina ascosa
     Non avesse a provar dei mondo ingrato?
     Voi siete servitor ma, lo sapete,
     E i sposi d'oggidì li conoscete.

Corre oggi giorno una moderna usanza
     Che chiamasi servir semplicemente,
     Ma questa servitù talor si avanza
     E diviene un po' troppo confidente.
     Se la sposa si adatta in consonanza,
     Suol far anch'essa mormorar la gente;
     E se all'uso comun non aderisce,
     Soffre, piange, si lagna e ci patisce.

Dato ch'ella incontrasse un matrimonio
     Con vera pace e col timor di Dio,
     Di cui si può vedere un testimonio
     Fra la vostra padrona e il padron mio,
     Dove della discordia il rio demonio,
     Nè il geloso martel giammai s'udìo,
     Non crediate che avesse il cuor giocondo,
     Che un vero ben non può godersi al mondo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/27&oldid=66774"