Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/22

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Sier Orazio, che ga disisset'ani,
     Xe el più bon puto che ghe sia a sto mondo;
     L'ama la quiete e nol se tol afani,
     Casalin, facendin, lesto e giocondo.
     Anca sier Marco, che ga manco ani,
     Xe un puto de bon genio e de bon fondo,
     E che col tempo mostrerà anca elo,
     Che àno bon intendachio e bon cervelo.


Suonar odo in un tratto una trombetta,
     E sparir veggio la goduta scena,
     E un'ampia Chiesa nella macchinetta
     Veggio apparir di popolo ripiena.
     Mi sorprende; mi piace, e mi diletta
     D'un palco musical la vista amena,
     Io dico a Pasqualin: Bravo davvero,
     Lodo l'esecuzion, lodo il pensiero.

Veggio da un lato una gentil damina,
     E sento il vecchiarel che si ragiona:
     Osservano Zenenza Contarina
     Che un anzolo la par proprio in persona.
     Vardano con che grazia la camina;
     Tuti la varda, tuti la minzona;
     Ecola inzenochiada da una banda,
     E i Preti che ghe canta Messa granda.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/22&oldid=66769"