Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/21

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Oh che bona mugier! mo co' amorosa
     Che la xe per i fioi, per la so casa!
     Qualche volta co mì la xe stizzosa,
     Ma se la ga rason convien che tasa.
     Angarana la xe, stirpe famosa,
     E la zente da ben xe persuasa,
     Che sta nobil Famegia e de bon cuor

     Merita ogni grandezza, ogni splendor.

Vardano là quel Puto zentilomo
     Che à messo vesta, Zelenza Tomaso,
     El xe zovene assae ma el ga de l'omo,
     D'ogni fior de bontà lui sono el vaso;
     Belo, garbato e dolce co' fa un pomo;
     Che sa, che intende, che no parla a caso,
     E che a Consegio se farano onore,
     E darano alegrezza al Genitore.

Vardano i altri cinque so fradeli,
     (Missier Domenedio li benediga!)
     Osservano l'amor che tra de eli
     Fa che la pase sia, de tuti amiga.
     Per grazia del Signor no i xe de queli
     Che fa sussuro e le famegie intriga,
     Che nassa desunion no gh'è pericolo;
     Tuti boni dal grando fina al picolo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/21&oldid=66929"