Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Mosse i fili il buon vecchio, e a dir riprese:
     Vardano adesso de le cosse tante.
     Se cambiano la scena, e quel paese
     Che vederano è l'Isola del Zante.
     Vardano là quel Cavalier cortese
     Mandà da la Republica in Levante.
     Vestìo de rosso, oh come ch'el par bon
     Zelenza Nicoleto mio paron!

Vederano là suso in quel Castelo
     De dì, de note so Zelenza atento;
     E vederano la giustizia e 'l zelo,
     Come l'à sostenudo el Regimento.
     Vardano i Greghi che confessa in elo
     Gran saver, gran dolcezza e gran talento.
     Vardano adesso quando ch'el va via
     Come pianzono tuti in compagnia.

L'Isola se desfanta, e vederano
     La cità de Venezia e 'l Lazareto,
     Vardano quante gondole che vano
     A darghe el ben tornao con vero afeto.
     Adesso a quel balcon osserverano
     Pasqualin presentarse con respeto,
     E sconzurarlo ch'el lo torna a tor
     In gondola a servir fina ch'el muor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/19&oldid=66764"