Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Tuto xe belonazzo, ma i m'à dito
     Che una Caneva gh'è superbonazza
     Dove che ghe xe drento de pulito,
     Boca che vustu, e che in tel vin se sguazza.
     Osserva adesso el Campaniel fornito
     Da pute che se gode e se sbabazza.
     Osservano lassuso quele do,
     Che din don din, din dan, fa campanò.


Fano gran festa perchè son tornala
     La compagna che avevano smarìa,
     Come giusto el pastor quando à trovata
     La piegorela ch'era andada via.
     Vedano più de tute consolata
     La Pasqualiga ch'è so amia, zia,
     Munega veramente religiosa,
     Dama de tuto ponto e vertudiosa.


Confesso che un piacer si raro e strano
     Ogni maggior divertimento avanza.
     Bello è sentir col barbaro toscano
     L'idioma Venezian far mescolanza;
     Bellissimo è il goder di mano in mano
     Piantata una solenne sconcordanza,
     E sentir a chiamar la vergin pia:
     La piegorela che gera smarìa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/18&oldid=66684"