Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 9.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Osservano, signor, da quela banda
     Se forma un belitissimo bancheto;
     D'ogni grazia de Dio, d'ogni vivanda
     Ghe parechiano el megio e 'l più perfeto.
     Dise quel camerier: se la comanda,
     Questo è vin de Vicenza neto e schieto;
     Quando el vin de Vicenza è recusato,
     Bisogna dir che la sia santa afato.


Vardano sta dongela benedìa
     Che desprezia sto mondo, e no ghe bada.
     Vardano che deboto scampa via.
     Tiritopete zò: Dov'ela andada?
     Vardano che la tola xe sparìa.
     Osserverano la scena scambiada.
     Notano la prestezza. In t'un momento
     Vardano che la puta xe in Convento.


Osservano el famoso monistier
     Che sono de le Vergini chiamao,
     Dove sia zentildona con piaser
     S'à arlevà, e xe tornada da recao.
     Notano la grandezza e 'l bel veder
     De quel gran orto che va fin là in cao.
     Vardano quele Cele e 'l Refetorio,
     E la Chiesa e la Porta e 'l Parlatorio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_9.djvu/17&oldid=66697"