Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/60

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Sbalzà in sela Kien-Long, doma è la fiera!
     Chi lo porta al trionfo? Brigliadoro!
Lieto de la comun letizia vera
     655Da quel zorno Kien-Long per le foreste
     Cala contro le belve la visiera,
E sul prode ronzin le fuga o investe;
     Cussì svaga 'l pensier e lo ristora
     Da le cure del trono più moleste!
660Ma no lassando senza premio un'ora
     Zelo e valor ne le caste più basse,
     De tanti fregi el so destrier decora,
Che, forsi (perchè mai no l'invidiasse
     De Caligola i doni e fasci e scure)
     665Forsi un dì, Mandarin de prima classe...
Ma non osi profane congeture
     Tocar el sacro impenetrabil velo
     De le sublimi auliche idee future!
Sto genio equestre delegà dal Cielo,
     670A l'Imperial virtù caro conforto,
     Gera afidà, Thulan-Kin, al to zelo!
Quanta invidia a sta scielta! Ah non a torto!
     Soto un altro più vigile custode
     Viverìa, forsi... E Brigliadoro è morto!...
675No, non t'acuso de spontanea frode,
     Miserabile! reo ti xe abastanza;
     E un delito minor saria mai lode?
La plebea te rimprovero ignoranza
     Dei magici preceti de quel'arte

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/60&oldid=70020"