Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     625De fronte a Thulan-Kìn, dise cussì:
     (Lu za in Chinese e in Venezian po mi.)

Perchè una voce nel to cuor sepolta
     Non osi borbotar:
Moro inocente!
     L'enormità del to delito ascolta:
630Da ben vint'ani e sempre più furente
     L'empio Tan-Ky con verga ferea acuta
     Sferzava 'l cuor de la China gemente!
Cieca barbarie o insania dissoluta
     Fava le veci de l'onor in Corte:
     635Sordo gera 'l dover, la virtù muta!
Tronca l'ira del Ciel sì dura sorte,
     E abandona 'l tiran vitima lenta
     D'ogni abuso moral, in brazzo a morte.
Va sul trono Kien-Long. Se ghe presenta
     640Giustizia, umanità; pianze 'l so scorno,
     Lu le conforta, e a i so fianchi le senta.
L'altre virtù ghe fa corona intorno,
     Lu le consulta 'l dì, vegia le noti
     Con ele a riparar i guai del zorno!
645Trema comossi i suditi divoti
     Per la salute de l'Eroe Chinese,
     E mile manda al Ciel fervidi voti
Perchè cure sì gravi, e mai sospese
     Da qualche diletevole ristoro,
     650No richiami po un dì le antiche ofese!
Devasta i campi furibondo un toro?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/59&oldid=70019"