Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


    Che sola al mondo i retrogradi avanza;
Che ferma i passi a l'anima che parte,
     Che rinvegeta i tronchi e che... ma resti
     La causa pur del to delito a parte.
Quali efeti teribili funesti
     685A l'Impero, a Kien-Long... a Ton-Kai stesso!
     Racapricio d'oror pensando a questi!
Eco Kien-Long, e per tua colpa, ossesso
     Dal più cieco furor! eco l'impero
     Da la barbarie novamente opresso!
690Sacro dover de dopio ministero,
     Dei posteri gelosi a la memoria
     M'obliga mi mandar intato el vero;
E mentre nel detar l'odierna istoria
     Giubilo in mezzo ai più felici auguri,
     695Tra i fasti de Kien-Long e la so gloria,
Presentar devo ai secoli futuri
     Per colpa toa l'infamia de sto dì,
     Perchè tanto splendor tuto se oscuri?
Chi tra sta fola imensa e mesta, chi,
     700Contemplando i to spasemi no crede
     Che regni ancora el perfido Tan-Ky?
Dov'è Kien-Long? (dise ogni cuor) l'erede
     De le virtù de tanti eroi Chinesi?
     Chi un carnefice vil in lu no vede?
705E per to colpa impunemente lesi
     Tuti i diriti de l'umanità,
     Queli de la giustizia vilipesi,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/61&oldid=70021"