Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/58

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



— Che legi?

— Quele
     605Che da cento e più secoli
     El più grande de i popoli governa:
     Quele che un zorno el tartaro Kan-Gy,
     Conquistando la China à rispetà:
     Quele che sacri e ilesi
     610Conserva, Sire, i vostri driti al trono!

— E ste legi (che flema!) cossa vorle?

— Gnente, Sire, che 'l giusto,
     Al gran cuor de Kien-Long sì caro sempre.
     Le comanda che prima de eseguir
     615Una sentenza capital, el Giudice
     Rimproveri al paziente el so delito.

— E ben, fa le mie veci
     Ti stesso, benemerito
     Custode de le legi, e sentirò
     620Se al to zelo per queste
     Quel che ti devi al to Signor, risponda.

— Ubidirò.


E de fato,
     Passa Ton-Kai dall'altra parte, e fermo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/58&oldid=70018"