Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/57

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No lo so davvero:
     Perchè, veda, Eccellenza, io non ò dritto...


580„Sto perchè ghe lo dono, Padre, zitto.”

Curiosità, spavento,
     Profonda compassion oprime i sensi,
     Trasforma in simulacri i spetatori,
     In muta solitudine la piazza.
     585Ma za Kien-Long dal più oportuno posto
     Calcola le distanze, e verso 'l colo
     De Thulan-Kin (ghe trema
     Strenzendo a dopia man la scimitara)
     Misura 'l colpo orizontal de morte;
     590E za per el teror che le pupile
     Ofusca e cambia 'l cristalin in talco,
     Crede mil'ochi e mile
     Veder la testa rodolar sul palco;
     Quando sie passi indrio
     595Alto! (esclama una voce
     Gravemente sonora)
     Alto, Signor, che non è tempo ancora!
Ferma a mezz'aria per sorpresa 'l colpo
     Voltandose Kien-Long: e — Temerario!
     600Osa Ton-Kai?

Ton-Kai, Sire, non osa,
     Che a le legi ubidir!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/57&oldid=70017"