Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/56

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Che 'l par noturno, estivo
     555Spruzzo de stela che traversa 'l Cielo.
     Da la dolente vista
     Del cadavere là de Brigliadoro
     Rianimandose a l'ira,
     Branca la scimitara, e perchè falso,
     560Nè dubio colpo regia man no rischia,
     Lo preludia per l'aria, e in aria el fero
     Per ben tre volte lampizzando fischia.

„Chi xe, padre, quel vechio venerando,
     Che vien per man de quei do Mandarini
     565Zo per la scalinada seguitando
     L'Imperator? Lo vedela?”

Lo vedo.
     Quegli, Eccellenza, è il buon vecchio Ton-Kai,
     Preside al tribunale dell'istoria,
     570Custode delle leggi, ultimo avanzo
     Del sangue di Confuzio!
     Centenario, sa ella!


„El se lo porta
     Col fior in rechia el so secolo in spala!
     575Bela fisonomia! L'à un brio ne i ochi!
     La me fazza una grazia: e cossa vienlo
     A far mo abasso?”

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/56&oldid=70016"