Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Istituzion, povera ancora,
     Non potrebbe fornirci
     Già di queste delizie... Un dì chi sa!
     L'Imperadore intanto, il buon Kien-Long,
     630Ne' giorni di spettacolo fa parte
     Di sua refezione
     Col Mandarino Astronomo, sa ella...


„Bisogna esser ad aures come va
     Per aver de ste grazie! me consolo
     635Con ela; ma no so
     Come godendo apunto
     De tuto sto favor presso un monarca
     Che pol andar sogeto
     A l'impeto de l'ira, ma che po
     640Sento universalmente a celebrar
     Per giusto, per magnanimo e clemente,
     No la se sia fato un dover, un merito,
     De mostrar a Kien-Long el torto enorme,
     Che fa a la gloria del so nome, un ato
     645De scioca crudeltà, come xe questo.
     Che diavolo! La morte,
     De propria man, a un pover omo per...”

Sottovoce, la supplico, Eccellenza,...
     Potrebbe alcuno quinc'intorno, veda!...
     650Questo, com'ella sente
     Non è argomento, in cui possa l'astronomo....

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/31&oldid=69993"