Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Poi l'interesse de la sussistenza
     Che deve starci unicamente a cuore.

„Eh! lo diseva, suponendo, sala,
     655Che un Padre Paralasse
     Fusse un'omo anca lu! Quanto a l'astronomo,
     Mi lo consegerave,
     (Pantalon qualche volta,
     Dà dei boni consegi anca al Dotor)
     660De ricordarse, che tegnindo sempre
     Le pupile inchiodae sul firmamento,
     Senza butar mai l'ochio
     Dove 'l mete le zate, un zorno, o l'altro
     El rischia ingambararse in qualche intopo,
     665Che lo sbalzi sul fango
     A vendicar la tera indispetìa
     Col stampo de la so fisonomia.
     Me ricevela, Padre? ma lassando
     Che chi deve balar pensi ai so cali,
     670Profiterò de le so grazie: e intanto
     Provarò sto ananas, se no l'è duro.”

Provi questo, Eccellenza, è più maturo...
     Glielo monderò io.


„Grazie! cussì,
     725Cussì, Padre, una feta... L'è prezioso!...
     Cossa fala mo adesso?”

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/32&oldid=69994"