Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che no se sogna d'esser un bufon,
     Insegnava a chi passa
     La lingua inglese in dodese lezion;
     Tanto che se Mamao,
     580Celebre per inzegno trascendente,
     No parlava in un mese
     L'italian quanto 'l Casa o 'l Fiorenzuola,
     L'era un segno evidente
     Che mi, d'acordo con i so nemici,
     585Aveva donca machinà e deciso
     De bararghe la scola
     Per dar sul muso a la so gloria un sfriso.
Fato 'l mio buso in acqua, in conseguenza
     I m'à solenemente dichiarà
     590Reo de lesa maestà: i m'à cazzà
     In un fondo de tore: i à confiscà
     Tuti i mii beni. Kon-Ghij,
     Preside al Criminal, che poverazzo
     Aveva protestà
     595Contro l'ato ilegal de condanarme
     Senza prima ascoltarme, i l'à impalà
     Dopo averlo ascoltà:
     E in cao tre dì, per terminar la festa,
     Se me doveva bater via la testa.”

600Raccapriccio d'orror! E chi ha potuto
     Salvarla poi da la perversa frode?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/29&oldid=69991"