Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Sora tuti 'l più facile a impararse!
     E se la xe cussì, gnente de megio
     550Donca de quelo de Venezia, che
     Lima le consonanti,
     Perchè no le ne scorteghi la gola;
     Che stenta a radopiarghene qualcuna
     Se no la cambia senso a la parola;
     555Che per dar più rissalto a le vocali,
     Fina i verbi castrando
     De le terze persone dei plurali,
     Fa che par che se canti anca parlando;
     E m'ò messo co i pie e co le man,
     560A tentar de insegnarghe 'l venezian.
La indovina mo, Padre?
     Xe spirà 'l mese prima che Mamao
     Savesse pronunziar schieto figao.
Invece de criar co la natura
     565D'averghe dà panada per cervelo,
     O co l'aulica nena,
     Che no gaveva ben tagià 'l filèlo,
     Mamao s'à imaginà,
     Che la so stolidezza gentilizia
     570Fusse l'effetto de la mia malizia;
     Molto più che 'l Visir, e so sorela
     Che lezeva i fogieti de l'Olanda,
     L'aveva assicurà,
     Che giusto mo a Venezia
     575Certo abate Vaseli,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/28&oldid=69990"