Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/17

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     255E se tol un palazzo,
     Proprio sul Canalazzo.”

Eh! ci sarebbe poi molto che dire,
     Veda, Eccellenza! E di tanti dialetti
     Certamente nessun...


     260Turun-tùn-tun-tun - Turun-tùntùn-tun.


„Sento ancora 'l tamburo!...”

È la milizia,
     Veda, che sfila in traccia
     Del gran Palafreniere...

265„Uh pover'omo!...
     Passèmo donca intanto a l'altro tomo!
     Sti miracoli, Padre, da stordir
     Tuta l'Europa, perchè un Venezian
     Xe Plenipotenziario
     270Del Giapon a la China? altro difeto
     De memoria! Se scordela, che in barba
     De la salica massima Chinese,
     Che no vol Europei qua in sto paese,
     Mi ò l'onor de parlar in sto momento
     275Col Padre Paralasse fiorentin

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/17&oldid=69458"