Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/16

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Impastizzada suso a varia dose
     Giusto mo co i dialeti
     Che parlava in quei tempi
     230I popoli diversi de la Grecia?
     E chi sa quante volte che là a Pisa,
     Per provar da la catedra ai scolari
     L'energia dei vocaboli d'Omero,
     Ela de bona fede averà scielto
     235Per limpida e cruscante,
     Tra una fola d'esempi
     Qualche frase chiozota de quei tempi!
Oh la giustizia, ch'à mo reso in Grecia
     A tuti i dialeti
     240El pare de i poeti,
     Credo che senza scrupolo
     Poss'anca farla un italian cortese
     Con quei del so paese;
     E digo senza scrupolo perchè,
     245Se disertando da sto bel esempio
     La vol dar in Italia,
     A questo più che a quel la primazia,
     Credo in anema mia,
     Che la farà st'onor, certo, al dialeto
     250Del popolo più antigo e più famoso
     Ne l'istorie moderne de l'Italia;
     E alora, in verità mo che la Crusca,
     Con permission de vostra riverenza,
     Vien zo per la coriera de Fiorenza,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/16&oldid=69455"