Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/18

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A Pekin Gesuita e Mandarin?
Mi mo che so che quel che no sucede
     A le montagne incastrae su la tera
     Pol ben nasser ai omeni
     280Che camina, che nua, che va per aria,
     Per no perderme a far comenti al testo,
     Le maravegie me le tegno in cesto.
Ma per altro son qua. Za quanto manco
     Me importa de saver queli dei altri,
     285Altretanto per metodo
     Con i curiosi mo dei fati mii
     Me son sempre picà de compiacenza,
     E farò conto d'esser a Vicenza;”

Ma perdoni, eccellenza,
     290Io non ardisco che bramarmi istrutto...


„No, no, la senta pur; ghe voi dir tuto.
     Son donca Venezian, nato a San Zan-
     Grisostomo za circa sessant'ani.
     Go nome Marco e de cognome Polo,
     295Perchè giusto mo 'l sangue
     De Marco Polo, viagiator famoso
     Quatro secoli fa, deto 'l Milion,
     Filtrandose per sie generazion
     De rene in rene, in quele de mio pare,
     300E sorbìo su dal tubo de mia mare,
     (Come la piova che de copo in copo,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/18&oldid=69980"