Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 7.djvu/15

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Ghe farò una domanda sugestiva,
     E ghe lo averto; oportuna per altro
     205A scioglier la question: L'altra matina
     La me parlava, Padre, de l'Iliade
     Con un trasporto!... In grazia,
     Omero mo in che lingua
     L'al scrito quel poema?”

210Vò-eccellenza
     Scherzoso sempre, questa mane poi...


„No, no; in che lingua? la me onori, Padre.”

Diamine! in greco; e chi nol sa? la madre
     Lingua dei dotti, e mia vera delizia!
     215L'ò professata in Pisa,
     Per dieci anni, sa ella! e piango ancora
     Uno scolaro, che...

„Bisogna mo, a la fè,
     Che la scienza sublime
     220Che la professa qua, l'astronomia,
     Ghe soni a la memoria l'angonìa!
     S'ala donca scordà, che quel Poema
     Scrito, come la dise, ne la madre
     Lingua de' dotti e sua vera delizia,
     225In quanto a le parole,
     No xe po in fondo che una bela torta

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_7.djvu/15&oldid=69460"