Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXIX


Nineta bela da mi tanto amà
     Quei to biondi Cavei desfeme fora,
     No me far più pensar, lassa che un fià
     4Sti ochi de desfama e se restora.

Quela nuvola d'oro sparpagnà
     Su quele carne, oh Dio! co' le inamora!
     Oh spetacolo! oh scena che al cuor va,
     8E me lo buta tuto soto sora!

Ah! loga, loga via quei Cavei biondi,
     Che no posso star saldo a sta batuda,
     11Basta, Nineta, basta, scondi, scondi.

Ah! che i xe tropo bei! Tropo el deleto
     Xe che sente sto cuor! Vardeme, cruda,
     14No ghe resisto più, vago in broeto.