Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXX


Co' morirò, che tropo za durar
     No posso a sta gran furia de flazei,
     Se de un orsa latà no t'à i caviei,
     4O pena, o compassion ti à da provar;

Se mai ti te zonzessi a despiantar
     Anca un solo dei to biondi Cavei,
     Te suplico, e no bramo altri trofei,
     8Famelo sul sepolcro consegnar.

E po faghe da qualche omo pietoso
     Scriver soto cussì: Boni viandanti,
     11Hic jacet un povero Moroso;

Una Coa l'à mazzà, la pietà vostra
     Suplica el gramo d'un pio Requie, e avanti
     14De dirghe: Oh che minchion! vardè sta mostra.