Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/86

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXIV


Che sempre a quei Cavei, crudo pensier,
     Ti m'abi, e a quela Coa da strassinar?
     Che far no ti me fazzi altro mistier?
     4Che no ti te ghe possi destacar?

Fusse da dir, che là qualche piacer,
     Qualche solievo ti me fa catar!
     Ma, oh Dio, che in pè de farse più lizier,
     8Più greve anzi deventa el me penar!

Pensier, che ti m'à tanto desconio,
     Lassame aver un pochetin de pase,
     11Te lo domando per l'amor de Dio.

Meneme dove più te par e piase,
     Te vegnarò contento sempre drio,
     14Ma là no, perchè là son su le sbrase.