Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/85

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXIII


Sior no che Ovidio no xe un busiaron,
     Nè gnanca Plauto, come i vien stimà:
     Pur tropo dei Cavei fadai se dà,
     4E no le xe, sior no, fiabe o invenzion.

Sarà, che la mugier d'Anfitrion
     A Pterelao ghe n'abbia uno tagià,
     Sarà, che Sila per amor cavà
     8Ghe n'abia un altro a Niso de scondon;

El sarà stà pur tropo, e adesso el credo,
     Benchè stentasse a crederghe anca mi,
     11Che a mièra in testa a Nina ghe ne vedo:

Che per averli apena un dì vardai,
     Fazzo vite da can fin da quel dì.
     14Vardè se no se dà Cavei fadai!