Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/87

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXV


Come che fa la sempia pavegiola
     In quele gran caldane de l'istà,
     Che se la vede mai lume impizzà
     4Atorno in bota la ghe core e svola,

E ghe fa quela bampa tanto gola,
     E tanto mai darente la ghe va,
     Che un'aleta, o un penin restà scotà,
     8E ne gnanca per questo la ghe mola;

La va, la vien, la zoga atorno via,
     E zira, e dai, la torna a darghe drento,
     11E infin po la ghe resta incenerìa;

L'istesso fazzo mi, te lo confesso,
     Atorno a la to Drezza, onde argomento
     14Che anca el me fin un dì sarà l'istesso.