Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/84

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXXII


Nina, dal caldo no se pol più star,
     Se va tuti in suor, son sobogìo.
     Vustu che in bateleto andemo a Lio
     4A chiapar aria un poco e respirar?

Andemo. Oh quanto mai che à da restar
     Le fie del mar vedendote, ben mio!
     Sbalzarà fora tute a gara, e un nio
     8Le te vegnarà tute atorno a far.

Ele che à fato tanta amirazion
     Per l'onde soe mai prima navegae
     11Vedendo el velo d'oro de Giason,

Pensa, vedendo i to Cavei, che assae
     Più de quelo xe biondi e par più bon,
     14Se le ga de restar maravegiae!