Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/82

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXX


Dove 'l pra xe più verde e più fiorio,
     E dove xe più folta l'erbesina
     Se sconde 'l bisso tuto irizzolìo,
     4E guai chi 'l zapa, e chi se ghe avicina!

Co l'arte istessa Amor frasca, muzzina,
     Per no esser visto a far de nu desìo,
     In mezo a la to Chioma folta e fina
     8Sta sconto e quachio zo come un conìo.

Gramno quel cuor che varda quei Cavei!
     Te lo sbasisse Amor a l'improviso,
     11E ghe ne fa, come del mio, mazzei.

Ve sia de spechio la me sorte acerba,
     Cuori incauti, e acetè sto bon aviso:
     14Latet, vardève ben, anguis in herba.