Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/78

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXVI


Cazzeme fra quei poveri giazzai,
     Dove 'l gran fredo i mari inzepa i ingoa,
     Metime fra quei grami cusinai,
     4Dove l'ardente Sol più scota e broa;

Fame 'l più desperà fra i desperai,
     Opur che fra i zechini sguazza e noa,
     Sucèda quel che pol suceder mai,
     8Mi mai me scordarò de la to Coa.

Ti vedarà coi lovi insieme i agnei
     Pascolar, e coi gati i can zogar,
     11Per aria i pessi, e andar per acqua i osei,

Dal Cielo fiocar zo la neve mora,
     Bagnar el fogo, e 'l Sol l'acqua sugar,
     14Prima che me la scorda, e no la adora.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/78&oldid=62105"