Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/79

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXVII


Ingordi marineri e negozianti,
     Che per oro andè a farve sacagnar
     Fin a l'Indie e al Perù senza stimar
     4Pericoli e suòri, Dio sa quanti!

A rischio de restar tra scogi franti,
     Che in la so panza ve ingiotissa el mar,
     Da orche e balene farve mastruzzar,
     8Come se sente a dir de tanti e tanti;

No andè no là in quei grebani a cazzarve,
     Corè da la me Nina, che Natura
     11Ghe n'à regalà tanto da saziarve:

E confessar lassarò dopo a vu,
     Se come quel che à in testa sta creatura,
     14Ghe n'à gnanca, per sbrio, l'Indie e'l Perù.