Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/77

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXV


Se a forza de fiabete e de invenzion,
     De indretùre e astronomica destrezza,
     Tra le stele del Ciel ficar la Drezza
     De Berenice
ga savù Conon.4

Ah! perchè anca mi mai no songio bon
     De far la toa saltar in tanta altezza,
     Che per la sorprendente so belezza
     8De pretenderlo ga ben più rason?

Certo e seguro, Nina mia, sarave,
     Che ogni pianeto, che qualunque stela
     11El so posto lassù ghe cederave;

E che manco slusente e manco bela
     Quela de Berenice parerave
     14A la comparsa de sta Coa novela.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/77&oldid=62104"