Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/76

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXIV


Come in vertù dei soli so Cavei,
     Che le forze ghe dava e le fierezze,
     Sanson ga fato quele gran prodezze
     4Del Tempio, del Porton, dei Filistei;

Cussì in vertù de le so sole Drezze,
     No del so viso, o dei so ochieti bei,
     M'à venzo Nina, e adesso in pianti e oimei
     8Me tien sepolto vivo, e in amarezze.

Ma po tosar co' s'à lassà el minchion,
     De forze e fià no gh'è restà bavèta,
     11Da gnente in soma no 'l xe stà più bon.

Squasi voràve farghe anche a Nineta
     Quel che ga fato Dalila a Sanson;
     14Ma oh! quanto pianzerìa po sta vendeta!