Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/75

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXIII


Quanti lezendo ste composizion,
     Dove espressa la minima se vede
     Parte de la me barbara passion,
     4No sa proprio redurse a darme fede!

Chi le chiama un capricio e un'invenzion,
     Chi dise che 'l probabile le ecede,
     Chi da mato me trata o da cordon,
     8Chi tanto rari sti Cavei no crede.

Se me stimè capace de mentir,
     Andè prima, e vardè quei fili d'oro,
     11E po sto cuor, e po sapième dir.

Dirè alora, che poco è quel che ò scrito,
     Che la materia supera el laoro,
     14Che son da compatir se me son frito.