Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/74

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXII


Cavei, che 'l sapia mi, lengua no ga;
     Pur i toi de parlarme à la vertù,
     E mi i sento, e i capisso, e contar su
     4Te vogio i descorseti che i me fa.

Al cuor disendo tuto el dì i me va:
     Cossa sa far Iddio vardèlo in nu,
     Che per farte svolar in brazzo a lu;
     8In sta testa per questo el n'à impiantà;

Nu podemo deposta darte man,
     Se ti à giudizio, e ti ne sa capir,
     11A trarte de sta tera dal paltan.

Anc'el resto vorìa farte sentir,
     Ma le xe cosse tal, che lavro uman
     14La via no cata de tornarle a dir.