Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/73

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LXI


Per solevarme el cuor, per respirar
     In salvo, e soto un Cielo più seren,
     Dove Apolo e le Muse se tratien
     4Me vago qualche volta a rampegar.

Spassizo quei boscheti, e per sorar
     Canto, quando più pianzer me convien,
     E co quele regazze, o mal o ben,
     8Me provo anca la boca de strazzar.

Me però fuma e frize la ferìa,
     Ma i tormenti però no me abandona,
     11Ma no me lassa la malinconia;

Che vien fina lassù a perseguitarme
     Una Coa temeraria, bardassona,
     14E gnanca in quei Sagrai posso salvarme!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/73&oldid=62100"