Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LI


Xe tanto mai che penso per trovar
     Se ghe fusse qualcossa su sto mondo,
     Che dei Cavei de Nina al raro biondo
     4Col so color podesse somegiar.

Lassa pur far a mi a fantasticar,
     E a farghe proprio su studio profondo,
     E pur co tuto questo, no me scondo,
     8Mi no la go savesta mai catar.

Me par ogni confronto assae lontan,
     Vedo che l'oro a l'ambra no ghe pol,
     11Nè ga gnente a che far pagia e zafran;

Vago più avanti, e a paragon ghe meto
     I luminosi e bei ragi del Sol,
     14E anca queli me par che i sia pocheto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/63&oldid=62089"