Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L


Se a sta Drezza, cressua per tormentarme,
     El dì intiero pensando e peno e ranco,
     La me lassasse, co xe note almanco,
     4Qualche per d'ore quieto repossarme!

Ma o che smanio, o che tendo a smissiolarme
     Ora sul brazzo dreto, ora sul zanco,
     O che se dormo, tach, a muso franco
     8La cor de sbalzo i soni a desturbarme.

Quante volte de lagreme bombà
     Tuto ò catà el cussin! Oh Dio co spesso
     11In ato de zigar m'ò desmissià!

Per sbrio, che co' me meto a far reflesso
     Al me stato, e a sta Coa senza pietà,
     14Pecà proprio me fazzo mi a mi stesso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/62&oldid=62088"