Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/55

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XLIII


Se conosse che in far i to Cavei
     Tuto el so inzegno ga impiegà Natura,
     E in fati i xe un laoro, una fatura,
     4Che inzucai fa restar omeni e Dei.

E se vede deposta che là in quei
     La gh'à slargà la man a desmesura,
     Perchè mo in fati senza cargadura
     8Nè i più longhi s'à visto, nè i più bei.

Ma in farte 'l cuor, parte che assae più impegna;
     E de un uso più nobile, ah Nineta,
     11La xe stà molto co ti avara e tegna!

Quanto la s'avarìa fato più onor
     Se nei Cavei la fusse andà più streta,
     14E un pochetin più larga in farte 'l cuor!