Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XLII


Come co' sbalza fuora erbe e fioreti,
     E à dà liogo l'inverno ingretolìo,
     I osei se vede, sbandonà el so nio,
     4Saltando alegri andar per i rameti,

Scampà da Cipro un chiapo de Amoreti
     Per i Cavei de Nina (che per sbrio
     Oro i parea quel dì nome forbìo)
     8Scherzar go visto e far mile zogheti.

Quel va, quel vien, dei rizzi fra le grespe
     Quei se incatigia, quei se colga e sconde;
     11Questi ghe svola a torno come brespe,

Chi canta, chi smatiza e fa cavriole;
     A ste scene, a ste viste, a ste baraonde
     14Oh Dio che 'l cuor me andava in bruo de viole.