Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XLI


Quel Cesare che tanto s'à destinto
     Coi so trionfi e i scriti soi felici,
     Ma po da Bruto crudelmente estinto;
     4Fato spechio dei Prencipi infelici;

Per dar le niove a Roma, ma in sucinto,
     D'aver fato zornada coi nemici,
     E spiegar quanto presto el gavea vinto;
     8Cussì el ga scrito: veni, vidi, vici.

Poco sù, poco zo cussì anca mi
     A sto ogeto, e a sto fin a quei respondo,
     11Che vol saver, come m'ò perso in ti.

Veni in zardin per me fatalità;
     Vidi una Coa che 'l Sol xe manco biondo;
     14Ma muo el Vici, che vinto son restà.