Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/52

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XL


Go sentìo dir che 'l Spirito Foleto
     Per el più se inamora dei Cavei,
     E che 'l va in cerca dei più longhi e bei,
     4Mosso da un certo natural deleto;

E che 'l ghe chiapa un cussì mato afeto,
     E che talmente 'l se incatigia in quei,
     Che no val tante volte l'Agnusdei
     8A cazzarghelo via quel maledeto.

Mi somegio a colù tanto in natura,
     Che d'esser un Foleto in carne umana,
     11Per dia, che squasi squasi go paura.

Anca mi in dei Cavei son morto e spanto,
     E gnanca a mi, per far che me slontana,
     14Gnente à mai valso, e pur go fato tanto!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_4.djvu/52&oldid=62077"