Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/47

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXV


Scolta mo in rechia: Sapi, Nina mia...
     Ohe pian, che nissun senta; Sapi, che...
     Ma! varda ben no dirlo, gnanca se
     4I fasse de ti, cara, becarìa;

Sapi... Go pena a dirlo infin per dia
     A ti, che so che dona che ti xe:
     Sapi... Nina! Possibili? Varda ve,
     8A ti el digo, e a qualunque no 'l dirìa;

Sapi in soma, che quei Cavei d'oro
     Xe qualche tempo (varda che delito!)
     11Che come cosse sante mi li adoro:

Se 'l savesse qualcun, gramo mai mi!
     Ohe per amor de Dio te prego, zito,
     14Che no lo sapia altri che Amor, mi e ti.