Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/48

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXVI


A quela d'oro vivo vera massa,
     Che parte del bel viso a Nina sconde;
     Che i Zefireti sventola e confonde,
     4Dove drento Amor gongola e se spassa,

E a quele che la Nina andar se lassa
     Zo per le spale, Drezze soe strabionde,
     Ora solae, ora sciolte e vagabonde,
     8Co quel desprezzo che ogni grazia passa,

No son mi solo che se gnente fermi
     I ochi ghe tegna, vaga in bruo de viola,
     11Nè 'l solo son che se ghe mova i vermi;

Che no ghe xe nissun che ghe le veda,
     E che no peca subito de gola,
     14E che 'l so cuor de sbalzo no ghe ceda.