Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXIV


Cossa me val lontan star anca un mio
     Dai to Cavei che 'l cuor me liga e strenze,
     Se da so posta el cuor inlescà spenze
     4I pensieri a tegnerghe sempre drio?

Se ogni ogeto che vardo, Amor, oh Dio!
     Subito del color soo me lo intenze?
     Se da per tuto el can me li depenze,
     8E al vivo lì fegura a l'ochio mio?

Tuto tuto me par quei to Cavei,
     A quei tuto me tira e me strassina,
     11QUei vedo, e cato in tuto, e tuto in quei;

E cussì tuto per mazor me pena
     O darente, o lontan che te sia, Nina,
     14A bacilar e a sospirar me mena.