Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/45

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXXIII


Co' tiogo in man quel mazzo de Cavei,
     Che ti m'à, Nina, nel partir lassà,
     E che mi tegno tanto conservà,
     4Me casca zo le lagreme a mastei.

E perchè, zigo, perchè ingiusti Dei
     Gaveu barbaramente soportà,
     Che da sti ochi culìa me sia robà,
     8Che m'à dà sti tesori e sti zogiei?

Dopo lo desfo, e soravìa ghe lasso
     Piover sti ochi che mai se saziarave,
     11E me ghe incanto come un zoco e un sasso;

Po' li sugo e li torno a far in mazzo,
     Li baso e i torno a meter soto chiave;
     14E sta funzion, Nina, ogni dì la fazzo.