Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXII


Vaga dove so andar 'na Drezza bionda,
     E 'l crudo Amor per tuto me compagna,
     Nè ghe xe grota, nè ghe xe montagna,
     4Che da lori me salva, o che me sconda.

Infina ai leti,1 dove moribonda
     L'umanità bochiza, ansa e se lagna,
     E del suor tuti i cussini bagna
     8Che dal fronte giazzà zoso ghe gronda

Me vien drio sti do barbari tirani,
     E un sempre più crudel, l'altro più forte,
     11I me radopia al cuor le piaghe e i afani.

E no ghe fa paura, ah l'è un gran dir!
     Quei parechi teribili de morte,
     14Che fa tuti, per sbrio, tanto stremir.

  1. L'Autore esercitava la Medicina.