Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/33

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XXI


Un gran dì che 'l xe stà per mi quel dì,
     Che in t'un zardin t'ò vista indormenzà
     Co quela grazia amabile cussì,
     4Su un canapè de fiori recamà!

Un'aria dolce i bei Cavei de ti,
     Che oro i parea quei dì nato e spuà,
     Andava sventolando, e parso a mi
     8M'à de sentirli a dir: Amor sta qua.

In quel dì ò sentìo al cuor un no so che
     Che no'l so dir; ma che co mi però
     11Partìo el s'à alora, e co mi ancora el xe;

E sempre da quel dì presenti go
     Quei Cavei, quel zardin, quel canapè,
     14Nè da la mente cazzar via li so.