Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 4.djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


XVII


Disè, se Dio v'ajuta, Pastorei,
     Per sto bosco sarave mai passada
     La me Nina, el me Ben? Che pena! oimei!
     4No la cato, e sì tanto l'ò cercada!

Sentì... do stele xe i so ochieti bei,
     La ga el visin che'l par riose e zonchiada;
     E una Coa de longhissimi Cavei
     8Biondi e strabiondi al vento sparpagnada,

Se la incontressi mai, sentì, disèghe,
     Che da per tuto vago d'ela in trazza,
     11E che la cerco le zornade intreghe;

Che la chiamo, che pianzo, che imatisso,
     Che no so gnanca più quel che me fazza
     14E che la cora che d'amor sganghisso.